Decidendo sul caso di un sinistro stradale di lieve portata, la Corte di cassazione ha avuto modo di definire il contorno dell’obbligo di “fermarsi” che grava sugli utenti della strada in caso di incidente, onde non incorrere nel reato di omissione di soccorso (art. 189 comma 6 Cds). Nel caso specifico, l’automobilista imputato, dopo aver causato il tamponamento di uno scooter, con conseguente caduta del centauro, si era fermato per soccorrerlo e, una volta aiutato a rialzarsi, si era allontanato dal luogo del sinistro. L’accertamento dell’investitore, quindi era stato reso possibile solo in un momento successivo, tramite il numero di targa.

Evidente, quindi, che l’automobilista si è inizialmente fermato, accertandosi (sommariamente) delle condizioni di salute del ciclomotorista, per cui non si è trattato del classico caso di “pirata della strada”, che causa un incidente e procede dritto. Eppure, la Corte di cassazione (sentenza 53325 depositata il 15 dicembre 2016) ha ritenuto comunque sussistente il reato di omissione di soccorso, in quanto “l’imputato si era allontanato dal luogo del sinistro dopo essersi solo apparentemente fermato, tanto che la sua identificazione è stata possibile solo in base al numero di targa rilevato da altri, disinteressandosi delle condizioni del ragazzo e delle lesioni che potevano essere conseguite”. L’elemento soggettivo del dolo, aggiunge la Corte, “può essere integrato anche dal dolo eventuale, ossia dalla consapevolezza del verificarsi di un incidente riconducibile al proprio comportamento, che sia concretamente idoneo a produrre eventi lesivi, senza che debba riscontrarsi l’esistenza di un effettivo danno alle persone”.

avv. Andrea Martinis

 

 

accident-152075_640

Avv. Andrea MARTINIS
diritto penale, diritto civile (responsabilità civile, assicurazioni, recupero crediti)